Home » Dove siamo » Dove siamo a Campobasso

Dove siamo a Campobasso

'Villa Maria' Via Principe di Piemonte, 4 Tel. 0874 91723 - Dal Lunedì al Sabato

Cosa Facciamo a Villa Maria

Cosa Facciamo a Villa Maria -      dr. Antonio Pio Masciotra

 

Ecografia

L'ecografia è una metodica diagnostica che non utilizza radiazioni ionizzanti ma ultrasuoni.

Un apparecchio per ecografie è dotato di sonde che emettono ultrasuoni in grado di penetrare all'interno del corpo umano generando echi di ritorno che vengono elaborati da un computer per ottenere l'immagine. Il medico specialista saprà analizzare ed interpretare tali immagini.

L'ecografia è una tipologia di esame che fornisce un supporto indispensabile per la diagnosi e la successiva terapia di numerose patologie.

Si eseguono esami per:

- Addome Superiore (Fegato, colecisti, pancreas, milza, reni, grandi vasi addominali, anse intestinali)
- Addome Inferiore (Vescica – utero ed ovaie – prostata e vescicole seminali)
- Addome Completo
- Tiroide, linfonodi del collo e ghiandole salivari
- Mammella, anche a complemento della mammografia
- Apparato genitale maschile (testicoli e pene)
- Apparato osteo-articolare
- Muscoli e tendini
- Anca neonatale
- Utero-ovaie
- Tessuti superficiali
- Ecografie ginecologiche transvaginali e prostatiche transrettali

 

Descrizione dell'esame

L'ecografia è un esame assolutamente indolore che dura, in genere, tra i 10 e i 15 minuti.

L'esame è semplice ed indolore.

Il paziente viene fatto stendere su un lettino e sulla parte da esaminare viene spalmato un gel denso che può dare una lieve sensazione di freddo e serve ad eliminare completamente le bolle d'aria che impedirebbero il passaggio degli ultrasuoni.

Poi la sonda viene appoggiata sulla zona da esaminare e compaiono sullo schermo le immagini su cui si farà la diagnosi.

Durante l'esecuzione degli esami dell'addome superiore Vi verrà richiesto di effettuare una inspirazione profonda e di trattenere il respiro.

Altre volte vi verrà richiesto di fermarvi senza respirare per alcuni secondi.

Preparazione per ecografia di collo, ghiandole salivari, tiroide, seno, muscoli, articolazioni, tessuti molli e scroto

Per lo studio di questi organi non è necessaria nessuna preparazione da parte del paziente.

 

Preparazione per ecografia addominale superiore - aorta addominale - arterie renali

Il giorno precedente l'esame :

Pasti privi pasta, latte e formaggi, frutta, verdura e zuccheri. E' possibile mangiare poco pane, brodo magro, carne ai ferri, pesce, prosciutto o carpaccio.

Presentarsi a digiuno da almeno 6 ore.

 Preparazione per ecografia dell'addome completo

Il giorno precedente l'esame :

Pasti privi pasta, latte e formaggi, frutta, verdura e zuccheri. E' possibile mangiare poco pane, brodo magro, carne ai ferri, pesce, prosciutto o carpaccio.

Presentarsi a digiuno da almeno 6 ore.

Non urinare nelle due ore precedenti l’esame.

Assumere due bicchieri d’acqua non gassata un’ora prima dell’esame.

 

Preparazione per ecografia renale, vescicale, ginecologica e prostatica

Non urinare nelle due ore precedenti l’esame.

Assumere due bicchieri d’acqua non gassata un’ora prima dell’esame.

Eventuali controindicazioni

Siccome l'ecografia sfrutta ultrasuoni e non radiazioni ionizzanti, non c'è nessun tipo di controindicazione conosciuta nel sottoporsi ad esami ecografici.  

Vanno segnalate eventuali allergie al lattice in caso di esami transrettali o transvaginali.

 

Ecocolordoppler

L'ecocolordoppler è la più recente innovazione tecnologica nella diagnostica con ultrasuoni. Consiste in una metodica di diagnostica per immagini assolutamente non invasiva, che permette la visualizzazione ecografica dei principali vasi sanguigni e lo studio del flusso ematico al loro interno.

Il principio di funzionamento si basa sull'associazione in tempo reale di una immagine ecografica bidimensionale con un segnale doppler pulsato. In sostanza l'ecocolordoppler permette di vedere il movimento del sangue nei vasi, arteriosi e venosi, e di studiare quanto sangue giunge ad una struttura od organo, ad esempio ad un rene,al fegato, o alla tiroide.

 

A cosa serve?

Ci sono varie tipologie di ecocolordoppler:

  • per i tronchi sovraortici e lo studio della insufficienza cerebro-vascolare
  • per il flusso arterioso degli arti superiori e inferiori
  • per il flusso venoso degli arti inferiori
  • per i vasi addominali
  • scrotale nello studio del varicocele

La metodica ha permesso di rivoluzionare la diagnostica delle malattie vascolari e cardiache offrendo la possibilità di rilevare e monitorare nel tempo

  • Stenosi arteriose
  • Aneurismi
  • Trombosi venose superficiali e profonde
  • Insufficienza venosa
  • Varicocele

Descrizione dell'esame

L'esame è semplice ed indolore.

Il paziente viene fatto stendere su un lettino e sulla parte da esaminare viene spalmato un gel denso che può dare una lieve sensazione di freddo e serve ad eliminare completamente le bolle d'aria che impedirebbero il passaggio degli ultrasuoni.

Poi la sonda viene appoggiata sulla zona da esaminare e compaiono sullo schermo le immagini su cui si farà la diagnosi.

Eventuali controinidicazioni

Rappresenta un'analisi innocua, facile da attuare e assolutamente priva di controindicazioni.

 

Mammografia digitale

La mammografia è una tecnica radiologica che permette lo studio accurato delle mammelle, garantendo la possibilità di individuare precocemente eventuali lesioni e anomalie anche di piccole dimensioni. E' utile anche per riscontrare le microcalcificazioni.

 L'esame mammografico consente di individuare un tumore in fase precoce, cioè quando le dimensioni sono molto piccole e perciò sono minori le possibilità di individuarlo tramite le palpazioni.

E' utile che i controlli strumentali siano periodici (di regola a cadenza annuale dall'età di 40 anni) e non saltuari.

La mammografia utilizza raggi X.

Questo esame non necessita di alcuna preparazione: non vengono somministrati farmaci e non è richiesto il digiuno.

L'esame normalmente non è doloroso e per questo motivo non viene effettuata alcuna forma di anestesia. La durata è di circa 10 minuti.

Eventuali controindicazioni

Nelle donne in età fertile l'esame deve essere eseguito nella prima metà del ciclo, periodo in cui il seno è meno teso e quindi più facilmente comprimibile (preferibilmente tra 6° e 10° giorno del ciclo).

L'esame è controindicato nelle donne in stato di gravidanza, soprattutto durante i primi tre mesi di gestazione.

Nelle donne in menopausa è generalmente possibile eseguire l'indagine in qualunque momento.

 

Radiologia Generale ed odontoiatrica

La radiografia è un esame radiologico che sfrutta un particolare tipo di radiazioni elettromagnetiche dette raggi X.

Queste radiazioni sono in grado di attraversare i tessuti del nostro corpo e di imprimersi su una lastra fotografica o su un detettore, creando una immagine.

Il medico radiologo interpreta tali immagini per formulare la diagnosi di numerose malattie.

La Radiologia tradizionale comprende gli esami diagnostici per tutti gli apparati: toraco-addominale, cardio-polmonare, urogenitale e scheletrico.

Costituisce un valido supporto, a volte indispensabile alla valutazione clinica dei pazienti.

Radiologia digitale

La radiologia digitale è l'evoluzione delle tecniche radiologiche tradizionali e permette di aumentare la qualità delle immagini e di ridurre la dose di radiazioni ionizzanti.  

Esami radiologici 

Segmenti del rachide e dello scheletro

Scheletro e rachide in toto

Mano e polso  per  la valutazione della crescita dello scheletro in relazione all’età (cosiddetta ‘età ossea’)

Seni paranasali

Torace

Addome diretto

Ortopantomografia dentale ed esame del cranio per diagnosi ortodontica

Esofago baritato, prime vie digerenti e tubo digerente completo a doppio contrasto

Clisma opaco a doppio contrasto e con ipotonia indotta farmacologicamente

Urografia endovenosa

Cistografia retrograda e minzionale

 

Preparazione per gli esami radiologici delle  prime vie digestive (esofago, stomaco e duodeno), del tubo digerente completo, diretto dell'addome e dell'apparato urinario, per l'urografia endovenosa e per la cistografia retrograda e minzionale

Presentarsi a digiuno dalla mezzanotte del giorno precedente l'esame. 

Per l'urografia endovenosa e per la cistografia retrograda e minzionale vengono utilizzati mezzi di contrasto.

Sono sostanze che, introdotte nell'organismo (le vie di somministrazione possono essere svariate), assorbono più intensamente i raggi X rispetto ai tessuti ed i parenchimi, contrastandoli artificialmente.

Grazie a questi mezzi di contrasto è possibile ottenere immagini particolareggiate di :

  •  esofago, stomaco, duodeno ed intestino (a base di solfato di bario)
  •  reni, ureteri e vescica (a base di iodio)

Preparazione per il clisma opaco a doppio contrasto

  

Nei 3 giorni precedenti l'esame abolire pane, latte, formaggi, pasta frutta e verdura.

Il giorno precedente l'esame:

ore 8 - bere la metà di un flacone di 45 ml di FOSFO-SODA-FLEET e in seguito bere 3 bicchieri di acqua naturale;

ore 12 - consumare un pasto con carne o pesce;

ore 16 - assumere la restante metà del flacone di FOSFO-SODA-FLEET;

ore 20 - bere una tazza di brodo;

nel corso della giornata bere molto (acqua non gasata o thè).

Il giorno dell'esame presentarsi a digiuno.
Per il buon esito dell'esame è fondamentale attenersi strettamente alle norme sopra indicate.

Eventuali Controindicazioni

A parte la gravidanza, in particolare nel periodo iniziale, la radiografia tradizionale e digitale non conosce controindicazioni.

Nelle donne prima della menopausa è preferibile eseguire gli esami radiologici  entro il 10° giorno del ciclo.

Cosa facciamo a Villa Maria

Cosa facciamo a Villa Maria -      dr. Antonio Pio Masciotra

 

Radiologia Generale ed odontoiatrica

La radiografia è un esame radiologico che sfrutta un particolare tipo di radiazioni elettromagnetiche dette raggi X.

Queste radiazioni sono in grado di attraversare i tessuti del nostro corpo e di imprimersi su una lastra fotografica o su un detettore, creando una immagine.

Il medico radiologo interpreta tali immagini per formulare la diagnosi di numerose malattie.

La Radiologia tradizionale comprende gli esami diagnostici per tutti gli apparati: toraco-addominale, cardio-polmonare, urogenitale e scheletrico.

Costituisce un valido supporto, a volte indispensabile alla valutazione clinica dei pazienti.

Radiologia digitale

La radiologia digitale è l'evoluzione delle tecniche radiologiche tradizionali e permette di aumentare la qualità delle immagini e di ridurre la dose di radiazioni ionizzanti.  

Esami radiologici 

Segmenti del rachide e dello scheletro

Scheletro e rachide in toto

Mano e polso  per  la valutazione della crescita dello scheletro in relazione all’età (cosiddetta ‘età ossea’)

Seni paranasali

Torace

Addome diretto

Ortopantomografia dentale ed esame del cranio per diagnosi ortodontica

Esofago baritato, prime vie digerenti e tubo digerente completo a doppio contrasto

Clisma opaco a doppio contrasto e con ipotonia indotta farmacologicamente

Urografia endovenosa

Cistografia retrograda e minzionale

 

Preparazione per gli esami radiologici delle  prime vie digestive (esofago, stomaco e duodeno), del tubo digerente completo, diretto dell'addome e dell'apparato urinario, per l'urografia endovenosa e per la cistografia retrograda e minzionale

Presentarsi a digiuno dalla mezzanotte del giorno precedente l'esame. 

Per l'urografia endovenosa e per la cistografia retrograda e minzionale vengono utilizzati mezzi di contrasto.

Sono sostanze che, introdotte nell'organismo (le vie di somministrazione possono essere svariate), assorbono più o meno intensamente i raggi X rispetto ai tessuti ed i parenchimi, contrastandoli artificialmente.

Grazie a questi mezzi di contrasto è possibile ottenere immagini particolareggiate di :

  •  esofago, stomaco, duodeno ed intestino (a base di solfato di bario)
  •  reni, ureteri e vescica (a base di iodio)

Preparazione per il clisma opaco a doppio contrasto

  

Nei 3 giorni precedenti l'esame abolire pane, latte, formaggi, pasta frutta e verdura.

Il giorno precedente l'esame:

ore 8 - bere la metà di un flacone di 45 ml di FOSFO-SODA-FLEET e in seguito bere 3 bicchieri di acqua naturale;

ore 12 - consumare un pasto con carne o pesce;

ore 16 - assumere la restante metà del flacone di FOSFO-SODA-FLEET;

ore 20 - bere una tazza di brodo;

nel corso della giornata bere molto (acqua non gasata o thè).

Il giorno dell'esame presentarsi a digiuno.
Per il buon esito dell'esame è fondamentale attenersi strettamente alle norme sopra indicate.

Eventuali Controindicazioni

A parte la gravidanza, in particolare nel periodo iniziale, la radiografia tradizionale e digitale non conosce controindicazioni.

Nelle donne prima della menopausa è preferibile eseguire gli esami radiologici  entro il 10° giorno del ciclo.

     dr. Antonio Pio Masciotra

     dr. Antonio Pio Masciotra